La storia del Caseificio la Madonnina

La famiglia Iemmi vanta una secolare tradizione nell’arte della produzione, lavorazione e commercializzazione del PARMIGIANO-REGGIANO.

La tradizione è radicata nel tempo, i racconti famigliari risalgono a una genealogia che parte da fine 1700 ai primi 1800.

I primi documenti comunali da noi rinvenuti registrano nell’anno 1875 la nascita a Cogruzzo di Reggio Emilia di Iemmi Enrico, figlio di Iemmi Achille nato nel 1832 che risultava di mestiere “cascinaio”, che è l’equivalente “italiano/dialettale” dell’attuale casaro.

Iemmi Achille fu il trisnonno dell’attuale generazione che gestisce il caseificio.  Le radici così profonde hanno infuso nella nuova generazione uno scrupoloso rispetto della tradizione e la scelta di continuare una produzione artigianale di elevata qualità combinata ad un’attenta applicazione delle normative comunitarie europee.

Al caseificio nell’antichità come ad oggi, veniva affiancato un allevamento suinicolo da cui ricavava insaccati e salumi che venivano auto prodotti.
Per alimentare i suini venivano e viene tutt’ora utilizzato il siero derivato dalla lavorazione del latte. Anche questa tradizione è rimasta alla famiglia Iemmi, che attualmente seleziona e vende solo salumi artigianali tipici di gran pregio.

L’ubicazione di produzione rientra nel “triangolo d’oro” della zona tipica, situata nelle provincie di Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna e una parte di Mantova, che ha peculiarità non riproducibili. Qui il latte riceve le migliori attenzioni ed è sottoposto ai più rigidi controlli qualitativi europei e mondiali.

Marco Iemmi
Titolare del Caseificio la Madonnina

Iemmi Achille

Iemmi Achille

Iemmi Achille papà di Iemmi Enrico e nonno di Iemmi Domenico - foto del 1906; dagli incartamenti reperiti era già casaro nel 1858

Iemmi Enrico

Iemmi Enrico

Iemmi Enrico, casaro di tradizione, papà di Iemmi Domenico.

Menozzi Nice

Menozzi Nice

Menozzi Artenice moglie di Iemmi Enrico, Mamma di Iemmi Domenico.